Filippo Tognazzo

Nato a Padova nel 1976, nel 2001 si laurea con lode in discipline del teatro al DAMS di Bologna. Inizia quindi un percorso di formazione attraverso stage e seminari approfondendo il lavoro sulla maschera e la Commedia dell'Arte (Carlo Boso, Nora Fuser, Antonio Fava) e quello sulla narrazione (Curino, Celestini, Artuso). Nel 2003 vince la borsa europea Nexus e lavora a Parigi presso lo Studio Théâtre de Montreuil, poi Académie Internationale des Arts du Spectacles. Tornato in Italia collabora con la compagnia Pantakin di Venezia in Arlecchino Bohémien.
Come autore e attore fra il 2005 e il 2008 porta in scena LE AFFINITA' ELETTIVE (libero adattamento dall'omonimo romanzo di Goethe), MUSI NERI (sull'emigrazione italiana nelle miniere belghe), I VULNERABILI (spettacolo interattivo sulla sicurezza stradale) e LE COSE MUTE (surreale monologo sulla Grande Guerra).
Dal 2001 collabora con OFFICINA FRANCAVILLA, band acustica con la quale porta in scena spettacoli di teatro canzone in rassegne, teatri, circoli e festival.
Come formatore e regista ha collaborato con numerose realtà venete, dai bambini, agli studenti universitari, adulti e disabili. Nel 2005 ha vinto il terzo premio a Piccoli palcoscenici con Un Ubu Re, il secondo premio con Macbeth! e nel 2004 Primo Premio e Premio speciale con Viaggiatori.